La Banda

“Arriviamo dalla voglia di suonare e dal piacere che ti dÓ.
Arriviamo da gruppi o gruppazzi, da cantine e concorsi rock.
Arriviamo con migliaia di ore di gavetta esilarante quanto dura.
Arriviamo da famiglie di musicisti (io, timido busker franco-italo-lusso-belga);
dall' amore per uno strumento e il suo studio (Finaz e Donbachi, troppo bravi di cuore per fare i tournisti);
da spiagge in cui l'orizzonte Ŕ cosý profondo che ti viene da guardare oltre (Paolino, imprevedibile e inesauribile come il vento);
dall' esaltazione per icone sacre-maestri di vita alla keith richards (Orla e il Giovane Nuto, rocchenrollari fino alla bestemmia!).
Poi all'orizzonte apparve Cantax e fra tutti ci siamo piaciuti e mescolati”.
Erriquez - Intervista per Toscana in concerto

La storia della Banda

La Bandabard˛ nasce ufficialmente l'8 marzo 1993.

Il gruppo si forma “in scala”. Enrico Erriquez Greppi, chitarrista e cantante di origine franco-lussemburghese, inizia a collaborare con A. M. Finaz.

Spinti dal sogno di poter portare nelle piazze l'atmosfera delle “cantate tra amici”, con chitarre, qualche percussione improvvisata, e tanta voglia di divertirsi, ecco che convincono anche Paolino, il “bonghettaro” che mancava, ad unirsi a loro in questa impresa.

Ben presto arriva anche la terza chitarra: Ŕ l'Orla, che presenta agli altri il giovane Nuto con la sua batteria minimale, e la festa sta per cominciare.

Mancava solo un bassista… ed invece chi bussa alla porta Ŕ Don Bachi, un contrabbassista capace di suonare il suo strumento con grande energia, che porterÓ nella musica della Banda quel sapore stradaiolo e un po' francese da sognatori.

E ad assicurare le danze arriva poi il fonico di fiducia, Cantax.

A questo punto la festa pu˛ davvero iniziare: l'8 marzo la Banda si chiude in sala prove per sei mesi, e quando le porte si riapriranno, ne uscirÓ quella valanga di energia, ritmo e passione per la musica che ci fa sempre scatenare ad ogni occasione.

Dopo una serie di concerti tra Francia e Italia, nel 1996 debuttano con “Il Circo Mangione” inciso per la Cockney Music che ottiene il premio Ciampi ed una serie di ottime recensioni da parte della stampa specializzata. Confermano il loro talento nel 1998 con “Iniziali B.B.” e registrano il loro primo live nel 1999, “Barbaro Tour”. Nel gennaio del 2000 pubblicano il loro terzo capolavoro, “Mojito Football Club”, che viene eletto disco del mese da Rockerilla. L'ennesimo trionfo Ŕ del 2001 con “Se mi rilasso… collasso”.

Settembre 2002 segna un'altra tappa importante nella storia della Banda: l'uscita del nuovo disco, “Bondo! Bondo!”, e l'inizio del nuovo tour che impegnerÓ i ragazzi per un anno intero. La Bandabard˛ inaugura la nuova serie di concerti per la prima volta senza Paolino, sostituito provvisoriamente da Ughito, percussionista dei Malfunk e vecchia conoscenza dei bardozziani. Dopo l'abbandono di Paolino e la turnŔ invernale con Ugo, alle percussioni ed alla tromba troviamo ora il mitico Ramon!